Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 agosto 2018

Genova

Genova

***

SILENZIO. È tutto quer che riesco a scrive,

guardanno a ch’è successo co quer ponte

venuto giù, squarcianno l’orizzonte

tra li pilastri de l’opposte rive.

***

Traggedia e nun se pò sapé la fonte,

né si ce sò artre perzone vive,

là sotto a le macerie e quante prive

de vita che s’è spenta come ar fronte.

***

Se strigne tutta Italia in de un abbraccio

a Genova e a un pezzo suo de còre,

corpito da ‘st’oribbile fattaccio.

***

Che mó ce penzi solo ch’er Signore,

(ma qui me fermo e più nun je la faccio)

a daje pace a chi piagne un dolore.

***

Stefano Agostino

___________________

***

  1. SILENZIO. È tutto quer che riesco a scrive,
    guardanno a ch’è successo co quer ponte
    venuto giù, squarcianno l’orizzonte
    tra li pilastri de l’opposte rive. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 agosto 2018 @ 16:28
  2. Una disgrazia orribile, rimango senza parole. Solo tante preghiere e che il Signore abbia misericordia di tutti.

    Comment by maria letizia — 15 agosto 2018 @ 12:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>