Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Settembre 2018

L’inventore de scuse

L’inventore de scuse

***

Pò caricalla un po’ come je pare,

cercanno de ‘mbastì mezze parole,

ma chi ‘na cosa, tanto, nun la vole,

nun te la fa, manco si svoti er mare.

***

Simmai se ‘mpegna a costruì ‘ste sòle

(pe nun usà espressione più vorgare)

solitamente sempre poco chiare,

a impedije er fatto e se ne dole.

***

Ma ce lo sai che vanta un campionario

de palle da fà invidia pure a Messi

o a un quarche romanziere visionario.

***

Se crede de fà tutti l’artri fessi

e nun lo sa che, a annà pe ‘sto binario,

poi se finisce pe ingannà se stessi.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Pò caricalla un po’ come je pare,
    cercanno de ‘mbastì mezze parole,
    ma chi ‘na cosa, tanto, nun la vole,
    nun te la fa, manco si svoti er mare. … (continua)

    Comment di Stefano — 28 Settembre 2018 @ 05:37
  2. Tutto verissimo. E’ per questo che il mondo si divide a metà: affidabili-inaffidabili, parole-fatti, bugie-verità.

    Comment di Silvio — 28 Settembre 2018 @ 10:11
  3. A Roma ne abbiamo uno che è il massimo, si chiama pallotta!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 28 Settembre 2018 @ 11:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>