Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 ottobre 2018

Tutto pe scontato

Tutto pe scontato

***

A vorte se dà tutto pe scontato,

avé salute, tempo e affetti attorno,

ma basta che te capita quer giorno,

che nun avevi manco carcolato …

***

… che le “certezze” de cui eri adorno

t’hanno già tutte quante salutato

e t’aritrovi a guardà ar passato

com’era bello, ma nun fa ritorno.

***

Pe ‘sta raggione godete ‘gni affetto,

er tempo che te dà sere e matine

e la salute che t’arza dar letto.

***

Pe nun trovatte a vive ‘ste quartine

che de “scontato” c’è solo er verdetto,

che quer ch’ha inizzio cià pure ‘na fine.

***

Stefano Agostino

____________________

***

 

  1. A vorte se dà tutto pe scontato,
    avé salute, tempo e affetti attorno,
    ma basta che te capita quer giorno,
    che nun avevi manco carcolato … (continua)

    Comment by Stefano — 5 ottobre 2018 @ 04:19
  2. Parole sante, è proprio vero che si apprezza veramente quello che si ha solo quando lo si perde!
    “Quant’è bella giovinezza
    che si fugge tuttavia,
    chi vuol esser lieto sia
    del doman non v’è certezza”

    Comment by Silvio — 5 ottobre 2018 @ 09:07
  3. Bellissimo sonetto! E’ proprio vero tutto! Cerchiamo di vivere ogni giorno quello che ci viene proposto, tanto, comunque, non ci possiamo opporre al destino!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 ottobre 2018 @ 12:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>