Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 ottobre 2018

Un novo Don Chisciotte

Un novo Don Chisciotte

***

Ner più ber posto che me sogno io,

er lunedì è stato cancellato,

obbrobbrio der più becero passato,

da destinà pe sempre ne l’obblio.

***

Co un novo calennario ariformato,

a ‘gnuno de ‘sti giorni è dato addio,

perzino ner ricordo più stantio,

ar punto che perzino ormai è reato …

***

.. lo stesso pronuncià ‘sto nome ar vento,

nun torna più così ‘gni settimana,

er giorno de la luna co l’accento.

***

Vabbè, sarà pure ‘na guera vana,

ma come Don Chisciotte io me ce sento,

a sarvà er monno co la durlindana.

***

Stefano Agostino

______________________

***

 

  1. Ner più ber posto che me sogno io,
    er lunedì è stato cancellato,
    obbrobbrio der più becero passato,
    da destinà pe sempre ne l’obblio. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 ottobre 2018 @ 05:36
  2. Caro Stefano, a quanto pare è sempre il lunedì che ti distrugge!
    Buona settimana.

    Comment by letizia — 22 ottobre 2018 @ 11:18
  3. Questo lunedì è anche più duro, visto il brusco calo di temperature e la Roma che ha perso… Si apre oggi, peraltro, l’ultima settimana di ora legale, da domenica infatti le giornate si accorceranno e tornerò ad uscire dal lavoro col buio.

    Comment by Silvio — 22 ottobre 2018 @ 12:06
  4. Bongiornooooo!!! Daje giù a tutti sti Lunnedì de cavolo. Daje che nun sei er solo, perché me sa’ tanto che ce ne so’ ‘na mortitudine co’ er medesimo penziero. Era cosi pure pe’ me, prima d’anna’ ‘n penzione e mo ….. me ne frego! Daje, ariverà pure pe’ te er giorno che te ne fregherai.

    Comment by 'svardo — 22 ottobre 2018 @ 12:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>