Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2018

Che t’è successo?

Che t’è successo?

***

Ma che vor dì quer grugno triste e spento?

Che t’è successo? Nun sei più lo stesso,

da che ridevi sempre a ‘sto cipresso,

che nun me pari te, a guardatte attento.

***

Si nun vòi ariccontà in modo espresso,

che è che t’ha ammosciato in un momento,

armeno dimme si pe ‘sto tormento

ce sta rimedio, te lo cerco adesso.

***

Te guardo e t’ariguardo e resti zitto

pe quanto posso avvicinà l’orecchio,

nun fiati, muto de favella e scritto.

***

Rimango co ‘sto dubbio pe parecchio,

fin quanno l’occhio tuo me guarda dritto

indentr’ar mio ner fonno de ‘sto specchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

 

  1. Ma che vor dì quer grugno triste e spento?
    Che t’è successo? Nun sei più lo stesso,
    da che ridevi sempre a ‘sto cipresso,
    che nun me pari te, a guardatte attento. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 novembre 2018 @ 06:51
  2. Bongiorno. Si, quello è er momento d’a verità. Te guardi e te fai, introspettivamente, l’esame de quello ch’hai combinato, stai combinanno e supponi de combina’. Te ce vòle ‘n’attimo, senza perdece tanto tempo; l’essenziale è de esse’ obiettivo!

    Comment by 'svardo — 5 novembre 2018 @ 09:35
  3. Bel sonetto! Purtroppo a volte non si ha il coraggio e la forza di dire cosa c’è che non va, perché sta troppo nel profondo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 novembre 2018 @ 12:03
  4. A volte ci sono cose difficili da esternare, dipende da molte variabili comunque, da persona a persona, da momento a momento, da circostanza a circostanza. La vita non è mai una somma aritmetica…

    Comment by Silvio — 5 novembre 2018 @ 12:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>