Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 novembre 2018

A Roma nun te serve annà in palestra

 

A Roma nun te serve annà in palestra*

**

A Roma nun te serve annà in palestra:

le gambe te le fai si vai a piedi,

speranze de arivà ce n’hai e lo vedi

si aspetti er bus, è come stà in finestra.

***

L’addominali, basta che lo chiedi

a un inzegnante che te ce ammaestra,

li fai ‘gni vorta che te passa a destra

un motorino e a lo spavento cedi.

***

Le braccia, co ‘sta pioggia fitta fitta,

le fai co du’ bracciate a dorzo o a rana,

ma co la testa fòri pe stà dritta.

***

Ce mancheno li glutei in fila indiana?

Direi proprio de no: ched’è aria fritta,

er culo che fa la gente romana?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A Roma nun te serve annà in palestra:
    le gambe te le fai si vai a piedi,
    speranze de arivà ce n’hai e lo vedi
    si aspetti er bus, è come stà in finestra. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 novembre 2018 @ 06:37
  2. Con tutta questa ginnastica come si fa a dire che i romani sono pigri!?
    Buona giornata!

    Comment by letizia — 6 novembre 2018 @ 11:25
  3. Ahò è vero, qua è tutto ‘na faticaccia…!!!

    Comment by Silvio — 6 novembre 2018 @ 11:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>