Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 novembre 2018

Li rompicojoni

Li rompicojoni

***

Er loro DNA cià er cromosoma

che li rènne così: co quest’accento,

un ber fardello nasce co l’intento

de rompe li maroni in de ‘gni idioma.

***

Un dono naturale ch’è un portento

che s’acuisce e cresce e nun se doma,

più che s’arza l’età e se diproma

tra scasso de le palle e gran tormento.

***

Ma normarmente chi cià ‘sto suo vizzio

nun se ne rènne manco bene conto

de quanto le fracassa guasi a sfizzio.

***

Qui la finisco co le citazzioni,

ché io so’ er primo a nun temé confronto

ne la gara a chi è più rompicojoni.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Er loro DNA cià er cromosoma
    che li rènne così: co quest’accento,
    un ber fardello nasce co l’intento
    de rompe li maroni in de ‘gni idioma. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 novembre 2018 @ 06:33
  2. Bongiorno! Pare che er tempo d’e piogge sta a scema’ e da domani, armeno a Roma, nun pioverà pe’ quarche giorno.
    Er tema der sonetto odierno so’ ‘e sigle o acronimi che, certe vòrte a dilli a lettere, ce vòle de più che a di li nomi. Presempio: si sto “CiEsseKappaA”, ‘o butti ‘n “CeSKA”, te sei spicciato de fa’ ‘na litanìa. Speramo de spiccialla cosi pure oggi a merenna. DAJEROMADAJE!!!

    Comment by Romamor ASR'29 — 7 novembre 2018 @ 08:41
  3. Li rompicojoni nun mòrono mai!
    Questo è un teorema eterno e immodificabile

    Comment by Silvio — 7 novembre 2018 @ 11:17
  4. Di rompipalle al mondo ce ne sono tanti, ma molti non si rendono conto di esserlo e questo è gravissimo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 novembre 2018 @ 12:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>