Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

9 Novembre 2018

Messaggi e messaggini

Messaggi e messaggini

***

Ciài fatto caso che quanno un messaggio

se manna scritto invece che parlato,

sò spesso assai le vorte ch’è traviato,

da l’interpretazzione e dar suo raggio?

***

Nun c’è confronto tra un testo inviato

e er fatto de parlà a l’occhi e er linguaggio

de tutto er corpo e quanno che c’è l’aggio

d’avé un contraddittorio ch’è immediato.

***

Er danno de le “chat” è spesso quello

che s’arimane tutti de l’idea

che già se aveva prima der fardello …

***

… ché un messaggio scritto impicci crea

in grado de stà a combinà un macello

che scambia cioccolata pe diarea.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ciài fatto caso che quanno un messaggio
    se manna scritto invece che parlato,
    sò spesso assai le vorte ch’è traviato,
    da l’interpretazzione e dar suo raggio? … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Novembre 2018 @ 06:48
  2. Certo che è molto meglio parlarsi faccia a faccia: le parole dette si possono chiarire all’istante, ma una volta scritte…manent!
    Buona Giornata e buon Venerdì a tutti i lavoratori!

    Comment di letizia — 9 Novembre 2018 @ 11:02
  3. Ritengo che l’uso della messaggeria scritta provochi fraintendimenti ed equivoci quando si estende a questioni molto personali. Dovrebbe essere limitata a comunicazioni di servizio, telegrafiche e di emergenza.

    Comment di Silvio — 9 Novembre 2018 @ 12:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>