Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

14 Novembre 2018

Cambià d’umore

Cambià d’umore

***

Come se fa a mutà l’umore spesso,

più de le idee de innovatori odierni,

come fai te,  che la tua faccia arterni

e nun se riesce mai a statte appresso.

***

Pe forza, quanno tutto lo squadrerni:

si ridi e scherzi, pure de te stesso,

in der seconno dopo tutto è un cesso

e te ‘ncupisci più che in freddi inverni.

***

Nun ciài un annamento equilibbrato,

così nun se sa mai come piàtte,

da quale verzo, questo o l’artro lato.

***

Sei alegro, triste, alegro, triste ancora,

ché le perzone le fai sortì matte,

cambi d’umore cento vorte l’ora.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Come se fa a mutà l’umore spesso,
    più de le idee de innovatori odierni,
    come fai te, che la tua faccia arterni
    e nun se riesce mai a statte appresso. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Novembre 2018 @ 06:41
  2. Non me ne vogliano le femminucce ma, statisticamente, le persone volubili sono prevalentemente donne…

    Comment by Silvio — 14 Novembre 2018 @ 11:03
  3. Silvio ha ragione, ma è solo una questione di… ormoni! Comunque, fin quando c’è il sole sorridiamo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 14 Novembre 2018 @ 11:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>