Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2018

Er villaggio natalizzio

Er villaggio natalizzio

***

Ho visto un ber villaggio de Natale,

tutto addobbato, pieno de lucette,

ner mezzo de un negozzio de robbette

pe attirà er criente occasionale.

***

Pupazzi de ‘gni sorta e le casette

li scivoli, la neve a coprì er viale,

sbrilluccica ‘gniddove in generale

ner friccico contino s’arifrette.

***

C’è er pattino sur ghiaccio e l’artalena,

er treno, un girotonno, l’arberello,

c’è Santa Claus che slitta, ride e frena.

***

Me sorge solo un dubbio, ‘na domanna,

com’è che in mezzo a ‘sto gran carosello

se sò scordati a mette la capanna?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Ho visto un ber villaggio de Natale,
    tutto addobbato, pieno de lucette,
    ner mezzo de un negozzio de robbette
    pe attirà er criente occasionale. … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Novembre 2018 @ 05:37
  2. Credo che l’avvento di Nostro Signore che si è fatto uomo, se proprio lo si deve rappresentare, debba essere raffigurato in modo sobrio, semplice, essenziale. E’ per questo che l’ostentazione di opulenza e consumismo che ormai da decenni accompagnano il nostro Natale mi suscita la ciclica voglia di fuga verso mete lontane.

    Comment di Silvio — 20 Novembre 2018 @ 09:30
  3. Sono d’accordo con Silvio: ormai il S. Natale è solo un modo per vendere! Tanti anni fa era diverso.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 20 Novembre 2018 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>