Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 novembre 2018

L’ora pe scrive un sonetto

L’ora pe scrive un sonetto

***

Nun ce sta un’ora pe scrive un sonetto,

come che sgorga l’hai da daje forma,

e nun importa, pure che tu dorma,

lo hai da butta giù, e te dar letto.

***

Ché prima che già cambia e se deforma,

l’hai da trascrive come viè de getto,

dar centro der profonno ‘ndentr’ar petto,

ner lievito che intanto se ariforma.

***

Così succede a me, che ho ariscontrato

che si nun metto in rima quer penziero

che nasce come che v’ho ariccontato …

***

… passa un minuto, pure manco intero

che già quer verzo s’è come ammosciato,

pe perde de sapore, quello vero.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Nun ce sta un’ora pe scrive un sonetto,
    come che sgorga l’hai da daje forma,
    e nun importa, pure che tu dorma,
    lo hai da butta giù, e te dar letto. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 novembre 2018 @ 05:45
  2. Leggendo la poesia di oggi mi è sembrato di assistere alla creazione di un dolce e sua farcitura, alla descrizione dei suoi ingredienti e dei suoi tempi di cottura

    Comment by Silvio — 27 novembre 2018 @ 10:15
  3. Per un Poeta come te è sempre l’ora giusta per scrivere un bel sonetto!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 27 novembre 2018 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>