Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 dicembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Cèlo”

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Cèlo”

***

Così veranno segni indentr’ar Sole

come ner Cèlo, e angoscia e anzia granni,

in mezzo a li mortali co li panni

tutti a tremà inzieme a occhi e gole.

***

Ovunque ce staranno grossi danni,

in cèlo, tera e mare e in quela prole

che nun ha dato ascorto a le Parole,

che Dio j’ha arivelato in anni e anni.

***

Quer giorno tornerà ne la Sua Gloria

er Fìo de l’Omo a dà libberazzione

a chi l’ha messo ar centro de la Storia.

***

Vejate quinni co trepidazzione,

e de ‘sta cosa fatene memoria,

pe evità così la perdizzione.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

 

  1. Così veranno segni indentr’ar Sole
    come ner Cèlo, e angoscia e anzia granni,
    in mezzo a li mortali co li panni
    tutti a tremà inzieme a occhi e gole. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 dicembre 2018 @ 07:59
  2. “il Signore è la mia vita, il Signore è la mia gioia”!
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 2 dicembre 2018 @ 11:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>