Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Dicembre 2018

Fusse pe me

Fusse pe me

***

“Fusse pe me”, te sento dì assai spesso,

“farebbe più così … fusse pe me…”

ma scusa, invece spiega, pe chi è?

Fusse pe te, già lo pòi fà da adesso.

***

Come fai a dillo, dimme, c’è un perché?

“Fusse pe me” … guarda che ciài er permesso,

“farebbe, andrebbe, … “, ma t’è già concesso

che ce lo sai che dipenne da te.

***

Invece co ‘sto inizzio ar congiuntivo,

tutto se ferma, solo a ‘na chimera,

co un verbo a fà da desiderativo.

***

“Fusse pe me” … cancellalo stasera

e svortalo ar presente indicativo,

si vòi vive ‘na vita che sia vera.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. “Fusse pe me”, te sento dì assai spesso,
    “farebbe più così … fusse pe me…”
    ma scusa, invece spiega, pe chi è?
    Fusse pe te, già lo pòi fà da adesso. … (continua)

    Comment di Stefano — 7 Dicembre 2018 @ 05:39
  2. E’ il tipico atteggiamento di chi se ne sta a guardare e critica gli altri senza mai entrare in gioco e passare in prima persona dalle parole ai fatti

    Comment di Silvio — 7 Dicembre 2018 @ 10:30
  3. E’ stata una giornata molto pesante! “se fosse per me” me ne andrei a dormire subito, ma ancora ho da fare!
    Buona serata!

    Mi dispiace per il ritardo, ma anche tardi dovevo fare una visita a Romainrima!

    Comment di letizia — 7 Dicembre 2018 @ 21:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>