Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Dicembre 2018

Un friccicore generale

Un friccicore generale

***

Se sente un friccicore generale,

e se respira tutto brillantato,

c’è come quarche cosa de fatato,

c’è come quarche cosa de speciale.

***

Se avvicina co passo ferpato

er venticinque, giorno de Natale,

che riesce sempre a fà tornà gioviale

anch’er più muso lungo patentato.

***

Tra nastri, luci e addobbi de ‘gni forma

ce se prepara tutti ar lieto evento,

che a l’anima der pupo lassa l’orma

***

Orma che nun va via e che fa contento

‘gni còre che quer giorno s’ariforma

quann’è Natale esatto, in quer momento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Se sente un fricciore generale,
    e se respira tutto brillantato,
    c’è come quarche cosa de fatato,
    c’è come quarche cosa de speciale. … (continua)

    Comment di Stefano — 11 Dicembre 2018 @ 05:37
  2. Mi permetto per la prima volta di correggere il Poeta. Credo ci sia un refuso alla prima riga della prima quartina: Stè hai scritto “fricciore” invece di “friccicore” facendo venir meno il verso endecasillabo del sonetto.

    Comment di Silvio — 11 Dicembre 2018 @ 10:14
  3. Si, è vero: il Natale è una festa fatata, specialmente per i bambini, ma ce ne sono tanti che non sanno cosa sia!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 11 Dicembre 2018 @ 11:20
  4. Silvio, grazie per avermi corretto giustamente !!! E grazie a te Letizia e Svardo per esserci sempre.

    Comment di Stefano — 11 Dicembre 2018 @ 17:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>