Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2018-19

22 Dicembre 2018

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 1-0

***

Nun vojo véde ar fatto d’avé perzo,

ché poi nun porta da chissà che parte,

vojo guardà, a raggionà in disparte,

a l’obbiettivo che nun è ‘no scherzo.

***

Er quarto posto, a meno quattro carte,

nun è lontano anni luce e avverzo,

chi sta davanti, armeno fino ar terzo,

se pò raggiunge e nun viè mai da Marte.

***

Vojo vedé che j’hai tenuto testa,

a questi che sò macchina da guera,

ché a la fine è er fatto che più resta.

***

C’è poi un girone e chi la vede nera,

è pure quello che si c’è ‘na festa

nun ride mai e pure poco spera.

***

Stefano Agostino

***

  1. Nun vojo véde ar fatto d’avé perzo,
    ché poi nun porta da chissà che parte,
    vojo guardà, a raggionà in disparte,
    a l’obbiettivo che nun è ‘no scherzo. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Dicembre 2018 @ 23:01
  2. Come si può vincere se non si fa almeno un tiro verso la porta? Purtroppo, finchè ci sarà er sor pallotta, le cose andranno sempre peggio! Ma, SEMPRE FORZA ROMA!!!!!!!!

    Comment by letizia — 23 Dicembre 2018 @ 10:46
  3. Guardiamo al bicchiere mezzo pieno e prendiamoci la prestazione. Quello che preoccupa il tifoso non è la partita coi ladroni strisciati ma le altre perse con squadre da serie b.
    Di sicuro le 2 campagne acquisti di Monchi sono state un disastro. Ha venduto bene (nainggolan e strootman sono cotti e creano molti problemi nelle loro squadre) ma ha comprato malissimo: schick, pastore, karsdorp, marcano, e via fantasmando.
    Dispiacerebbe se a rimetterci fosse l’allenatore: i colpevoli sono i giocatori e chi li ha comprati

    Comment by Pablo BigHorn — 24 Dicembre 2018 @ 10:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>