Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2019

Er freddo a Roma

Er freddo a Roma

***

Er freddo a Roma è ummido e se sente,

fin dentro l’ossa pe scrocchialle ognuna,

e pe rabbrividille e le raduna,

in un concerto tremulo de gente.

***

Ché vive a Roma è sempre ‘na fortuna,

su questo nun ce piove veramente,

ma quann’è freddo qui gela pungente,

ner mentre artrove manco te ‘mportuna.

***

Quanno che a Roma la temperatura,

ner sueggiù se ferma intorno a zero,

tarmente c’è l’ummidità che attura …

***

… che pare de stà dentro a un frigo vero,

a congelà p’er tempo che perdura

tutt’er trimestre de l’inverno intero.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. Er freddo a Roma è umido e se sente,
    fin dentro l’ossa pe scrocchialle ognuna,
    e pe rabbrividille e le raduna,
    in un concerto tremulo de gente. …

    Comment by Stefano — 8 Gennaio 2019 @ 05:40
  2. Non auguro nemmeno a un nemico il gelo glaciale della mattina presto sullo scooter, è veramente una pessima esperienza. Insomma in inverno l’unica cosa saggia da fare sarebbe fuggire in qualche luogo caldo!

    Comment by Silvio — 8 Gennaio 2019 @ 08:55
  3. A Roma tutto diventa esagerato! Il freddo, il caldo,l’umidità e tanto altro viene moltiplicato: è anche questa la grandezza di Roma!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 8 Gennaio 2019 @ 12:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>