Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Gennaio 2019

Le zampe sotto ar tavolino

Le zampe sotto ar tavolino

***

Mette le zampe in sott’ar tavolino,

rimane sempre un granne privileggio,

si è pe magnà, sinnò ‘sto tono egreggio

se ne va a fasse frigge e viè er burino. 

***

Ché séde pe magnà è un atto de preggio

e j’annerebbe fatto un bell’inchino,

er culo su la sedia a manichino,

senza pietanze, è più ‘no spreco a sfreggio. 

***

Appena che me seggo già se sblocca

lo stommico che s’apre pe mestiere,

a faje l’eco l’acquolina in bocca.

***

Er tempo de guardà piatto e bicchiere,

che subbito è già tardi, l’ora scocca,

che se materializzi er cammeriere.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Mette le zampe in sott’ar tavolino,
    rimane sempre un granne privileggio,
    si è pe magnà, sinnò ‘sto tono egreggio
    se ne va a fasse frigge e viè er burino. …

    Comment by Stefano — 22 Gennaio 2019 @ 05:40
  2. Tra i momenti più gradevoli nei ricordi di ognuno non mancano mai le occasioni conviviali, da sempre moltiplicatore di allegria e buon umore. E da che mondo è mondo la tavola ne è la regina indiscussa!

    Comment by Silvio — 22 Gennaio 2019 @ 09:30
  3. A Roma si dice “basta che se magna va tutto bene”! Quelli che ci governano lo sanno, infatti, sono i primi a “magna'”!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Gennaio 2019 @ 11:27
  4. Un politico se rivorse a Giove
    “La’ fora, dicono che magno sempre…….che magno assai”
    aiutame Giove, a ste chiacchiere ce vorrebbe messo un freno;
    e Giove je rispose: “Embe, magna de meno”!

    Comment by romanocanabahamese — 22 Gennaio 2019 @ 23:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>