Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Gennaio 2019

Penziero de la sera

Penziero de la sera

***

Quanno fa buio, che scurisce e annotta,

a vorte me martella ‘sto penziero,

si m’è passato un artro giorno intero,

ch’ho fatto volà via, senza ‘na lotta.

***

Intenno dì, ner mentre guardo er nero

de un cèlo che la mente assai me aggrotta,

si er tempo l’ho sprecato e me scazzotta

un artro dì finito zero a zero.

***

Pe nun dové ‘gni giorno fà li conti,

co ‘sto magone che sa un po’ de lutto,

che nun regala gnente e mai fa sconti …

***

…. tocca da dà a ‘gni minuto er tutto

che ciài ner còre e quanno che l’affronti

dà in fretta er fritto e, senza un fratto, er frutto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Quanno fa buio, che scurisce e annotta,
    a vorte me martella ‘sto penziero,
    si m’è passato un artro giorno intero,
    ch’ho fatto volà via, senza ‘na lotta. …

    Comment di Stefano — 25 Gennaio 2019 @ 23:48
  2. Purtroppo solo con l’avanzare dell’età si capisce il valore del tempo. A fine giornata sappiamo bene in cuor nostro se ne abbiamo fatto buon uso o meno. Il tempo è oro, buttarlo via è imperdonabile!

    Comment di Silvio — 30 Gennaio 2019 @ 08:37
  3. Questi versi mi mettono davanti alla mia coscienza. Non so se sto sprecando il tempo che Dio mi ha concesso: di sicuro non faccio cose straordinarie, ma cerco di fare le cose di tutti i giorni nel modo migliore!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 30 Gennaio 2019 @ 10:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>