Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Febbraio 2019

Nun mollà l’obbiettivo

Nun mollà l’obbiettivo

***

Nun devi da mollà un obbiettivo,

perché nun è de facile conquista,

è come toje ‘gni orizzonte a vista,

pe quanto sia de luce e suggestivo, …

***

… solo perché lontano e er quanto dista,

lo pò sapé, senza interogativo,

chi ariva in là cor suo campo visivo

 e la distanza certo nun l’attrista.

***

Inzeguilo quer sogno, si ce credi,

chi te lo dice che nun sia reale

e più vicino assai de quer che vedi?

***

Così, ner caso in cui te dice male,

saprai arisponne, quanno te lo chiedi,

che senza se pò vive bene uguale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun devi da mollà un obbiettivo,
    perché nun è de facile conquista,
    è come toje ‘gni orizzonte a vista,
    pe quanto sia de luce e suggestivo, …

    Comment di Stefano — 20 Febbraio 2019 @ 07:18
  2. Avere un grande sogno nella vita ti permette di andare avanti bene per realizzarlo: io lo sto ancora cercando, perché ne ho troppi piccoli!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 20 Febbraio 2019 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>