Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

24 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “èsse misericordiosi”

Dar Vangelo der giorno: “èsse misericordiosi”

***

Gesù je disse: “Amate li nemichi,

a volé bene, a chi ve vole bene,

è cosa che nun reca grosse pene,

come l’amà sortanto quelli amichi.

***

Nun fa così chi cià l’arterie e vene

da peccatore, da li tempi antichi?

Quelli che se fan granni, belli e fichi,

pe amà chi je riserva pranzi e cene.

***

Tocca da èsse misericordiosi,

come da sempre fà er Padre co voi,

nun condannate mai, ché co le dosi …

***

… co cui voi misurate tutti, poi,

verete giudicati, e ‘gnuno sposi

l’idea der perdonà ‘gni artro fra noi.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

 

  1. Gesù je disse: “Amate li nemichi,
    a volé bene, a chi ve vole bene,
    è cosa che nun reca grosse pene,
    come l’amà sortanto quelli amichi. …

    Comment di Stefano — 24 Febbraio 2019 @ 08:00
  2. Perdonare a certa gente è veramente impossibile. L’unica cosa da fare è dimenticare che esistono.

    Comment di letizia — 27 Febbraio 2019 @ 09:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>