Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Marzo 2019

E torna sempre …

E torna sempre …

***

E torna sempre, torna e torna ancora,

pe quanto pòi fà tutto pe evitallo,

er lunedì, ma che mistero e giallo…

è un “boomerang” lanciato a cento all’ora …

***

… da sette giorni prima e fàcce er callo,

fa er giro suo, e ‘ndove va se ignora,

ma quanno penzi … è ito … è giusto allora

che torna ar canto stridulo der gallo.

***

Ché t’eri abbituato pe du’ giorni

a arimané più tempo indentr’ar letto,

pacioso e callo, come tra du’ forni.

***

Ma sempre t’arisveja, maledetto,

quer trillo che ‘gni vorta te ce scorni,

la sveja … è lunedì … casco e ermetto!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. E torna sempre, torna e torna ancora,
    pe quanto pòi fà tutto pe evitallo,
    er lunedì, ma che mistero e giallo…
    è un “boomerang” lanciato a cento all’ora …

    Comment by Stefano — 11 Marzo 2019 @ 05:47
  2. La sveglia del lunedì mattina è ‘na rasoiata fredda, è qualcosa di doloroso e subdolo che, perennemente in agguato, ti azzanna ogni sette giorni!

    Comment by Silvio — 11 Marzo 2019 @ 08:59
  3. Questo sonetto (che ha un non so che di affettuoso) è una splendida ode al lunedì!
    Buon Lunedì.

    Comment by letizia — 11 Marzo 2019 @ 10:07
  4. Daje Claudio, facce prenne sti 3 punti Empoliani
    che farebbero tanto bene a noi romani,
    e non solo, poiché’ sapresti da’ cosi’
    un sapore diverso a quello che altrimenti sarebbe solo,,,,,,, un’artro Lunedì!

    Comment by romano cb — 11 Marzo 2019 @ 12:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>