Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Marzo 2019

Nun ciài artro da fà

Nun ciài artro da fà

***

Nun ciài da fà gnent’artro de forzato,

né èsse er più perfetto o er più speciale,

quarcosa tra er più assurdo o innaturale,

in cui nessuno s’è mai cimentato.

***

Nun ciài da èsse fico o eccezzionale,

o fà quer che mai uno l’ha provato,

da diventà chissà quale scènziato,

che va a scoprì lo spazzio siderale.

***

Nun serve da fà er mago, né l’attore,

né millantà chissà quale possesso

o maschere da omo de valore.

***

Nun conta de contà o chiede permesso,

ma si vòi vince e conquistà l’Amore,

nun ciài artro da fà, ch’èsse te stesso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Nun hai da fà gnent’artro de forzato,
    né d’èsse er più perfetto, er più speciale,
    quarcosa der più assurdo o innaturale,
    in cui nessuno s’è mai cimentato. …

    Comment di Stefano — 20 Marzo 2019 @ 07:33
  2. Andrebbe ripetuto come un mantra: “éssi te stesso” che tutte l’artre versioni sò solo patetiche simulazioni, finzioni facilmente riconoscibili, palesi personaggi fake. Ahò sarà l’età che me rende insofferente ma ormai sò diventato allergico alle persone de plastica!!!

    Comment di Silvio — 20 Marzo 2019 @ 10:06
  3. Ognuno di noi dovrebbe essere quello che è in ogni circostanza della vita! Mascherarsi da ciò che non si è non serve, perché tanto la verità viene sempre a galla prima o poi.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 20 Marzo 2019 @ 10:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>