Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Aprile 2019

Pennichelle pomeridiane

Pennichelle pomeridiane

***

In genere, nun amo er dopo pranzo,

so’ allodola, così me svejo presto,

ar pomeriggio è troppo che so’ desto,

me scatta la cecagna in disavanzo.

***

“Er pomeriggio è lungo” … poi, der resto,

così quanno che magno e che m’appanzo

si trovo un letto, me ce sparapanzo,

m’appennico e me canticchio er testo.

***

Ma quanno che lavoro cambia tutto,

meno che l’occhio, apparpebbrato stesso,

ché solo pe riaprillo so’ distrutto.

***

E m’aritrovo ar centro de un conzesso,

co tutti che me guardeno de brutto,

che m’annisconnerebbe indentr’ar cesso…

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. In genere, nun amo er dopo pranzo,
    so’ allodola, così me svejo presto,
    ar pomeriggio è troppo che so’ desto,
    me scatta la cecagna in disavanzo. …

    Comment di Stefano — 26 Aprile 2019 @ 05:12
  2. Per essere svegli bisognerebbe evitare di pranzare: al massimo mangiare un panino durante una passeggiata! Capisco che non è il massimo, ma quando c’è da lavorare è l’unico modo per non fare brutte figure!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 26 Aprile 2019 @ 11:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>