Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Aprile 2019

Le straggi de Pasqua

Le straggi de Pasqua

***

Vijacchi, maledetti e senza Dio,

perché de certo voi nun ce l’avete,

nun ce sta dio (minuscolo) sapete,

che pò ordinà massacri e lo schifio …

***

… de uccide gente inerme co ‘na sete

de odio che nun cià mai fine e un io

de chi ammazza a fà scontà er fio

de avecce un’artra Fede da compete.

***

Un attentato a Pasqua come segno,

der vostro fine solo de terore,

ché nun cià artra loggica a sostegno.

***

Nun certo quella che fa vince er còre,

che mette ar centro de tutto er Suo Regno,

un Dio (maiuscolo) ch’è solo Amore.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Vijacchi, maledetti e senza Dio,
    perché de certo voi nun ce l’avete,
    nun ce sta dio (minuscolo) sapete,
    che pò ordinà massacri e lo schifio …

    Comment di Stefano — 23 Aprile 2019 @ 07:29
  2. Questa gente vuole solo seminare odio e terrore: certi tipi di fede si sfruttano per diffondere rancore e intolleranza. Una Preghiera per coloro che sono rimasti uccisi.

    Comment di letizia — 23 Aprile 2019 @ 13:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>