Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Giugno 2019

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “seguì Gesù”

***

Pe annà a Gerusalemme era in cammino,

un tale lo fermò e je disse certo:

“Te seguirò pe ‘ndó annerai”, ma sverto

Gesù arispose a quello lì vicino …

***

… che Lui viveva sempre a cèlo aperto,

“Er Fìo de l’Omo, cui seguì er destino,

nun cià ‘ndó mette manco er capo chino”

l’artro nun repricò … ma nun fu scerto.

***

A un artro disse: “Seguime”, ma quello:

“Ciò prima qua da seppellì li morti”,

Gesù arispose: “Lassa stà ‘gni avello.

***

Ché chi Me cerca de seguì p’er Regno,

ma poi molla l’aratro e a passi corti,

se vorge indietro  … der Cèl nun è degno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Pe annà a Gerusalemme era in cammino,
    un tale lo fermò e je disse certo:
    “Te seguirò pe ‘ndó annerai”, ma sverto
    Gesù arispose a quello lì vicino …

    Comment di Stefano — 30 Giugno 2019 @ 06:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>