Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Luglio 2019

16.7.1969 – 16.7.2019

16.7.1969 – 16.7.2019

***

Sò cinquant’anni oggi da quer viaggio,

quanno che l’omo è ito su la Luna,

er sedici de Lujo, intorno a l’una,

s’arzo ner cèlo er razzo co equipaggio.

***

‘Na meta mai raggiunta da nessuna,

de l’artre navicelle cor miraggio,

de arivà inzino a l’allunaggio,

ma che nun ciànno avuto ‘sta fortuna.

***

Quer sogno s’avverò er venti de lujo,

co Armstrong che camminò pe primo

solo sur sòlo in mezzo a un granne buio.

***

Quanno che dichiarò ‘sta verità:

“Pe me è un passetto piccolo, ma stimo

sia un barzo enorme pe l’umanità”.

***

Stefano Agostino

___________________

***

  1. Sò cinquant’anni oggi da quer viaggio,
    quanno che l’omo è ito su la Luna,
    er sedici de Lujo, intorno a l’una,
    s’arzo ner cèlo er razzo co equipaggio. …

    Comment di Stefano — 16 Luglio 2019 @ 05:31
  2. Mi ricordo ancora quella notte, con tutta la famiglia incollata alla Tv ad ascoltare Tito Stagno! Io, che non sono un’ottimista, ho pensato subito a tutte le peggiori conseguenze di quella invasione. Ma, per fortuna non è successo niente di grave, almeno per quanto ne so!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 16 Luglio 2019 @ 10:23
  3. Decisamente “un barzo enorme pe’ l’umanita'”
    Ma se i Bilioni spesi sarebbero stati usati prima per sfamare ed educare l’umanità’ del mondo che abbiamo?

    Comment di romano cb — 16 Luglio 2019 @ 16:14
  4. Caro romano cb, non hai torto: se avessero speso quei soldi per quello che hai detto, forse il mondo sarebbe meno brutto!

    Comment di letizia — 17 Luglio 2019 @ 12:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>