Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 Agosto 2019

L’incendio in Sibberia

L’incendio in Sibberia

***

Vojo parlà der fatto qui presente,

ch’è ‘na questione arquanto brutta e seria,

intenno dì de l’incendio in Sibberia

che sta a distrugge tutto come gnente.

***

La rabbia de le fiamme, deleteria,

s’è fatta fòri ormai l’equivalente,

de Lazzio e de Toscana unitamente,

quanto a foreste da mannà in miseria.

***

Boschi e legname e ossiggeno p’er monno,

co ‘sto pormone che s’abbrucia lento,

ner mentre vanno in fumo, se fa un sonno …

***

chi la commanna ‘sta Tera, contento,

che se ne frega de l’allarmi … in fonno 

sò come er foco, se li porta er vento.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Vojo parlà der fatto qui presente,
    ch’è ‘na questione arquanto brutta e seria,
    intenno dì de l’incendio in Sibberia
    che sta a distrugge tutto come gnente.

    Comment di Stefano — 7 Agosto 2019 @ 05:27
  2. Questo spaventoso incendio che non si riesce a domare è veramente una cosa deleteria: vegetazione bruciata, animali che non sanno dove andare e fumo che intossica tutti. Chissà se è vero che il fuoco si è acceso da solo! Questa è una cosa che mi sembra davvero strana.

    Comment di letizia — 7 Agosto 2019 @ 12:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>