Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2019

Ciao Nadia

Ciao Nadia

***

Te ne sei ita senza fà rumore,

sparenno come un lampo a l’improviso,

pe eredità ce lassi er tuo soriso,

a fà da specchio a l’anima e ar còre.

***

Manco un saluto dato e hai reciso

quer gran cordone co ‘gni spettatore,

che hai saputo strigne cor calore,

de quer tuo sguardo già da Paradiso.

***

Così che ciarimane pe saluto,

de scrivete ‘na rima o fà un penziero,

pe trattenette ancora pe un minuto.

***

Ner mentre c’è ‘na Luce che te irradia,

pe fà brillà ‘gni punto, anch’er più nero,

bon viaggo a te fin’a Lassù … ciao Nadia.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Te ne sei ita senza fà rumore,
    sparenno come un lampo a l’improviso,
    pe eredità ce lassi er tuo soriso,
    a fà da specchio a l’anima e ar còre. …

    Comment di Stefano — 13 Agosto 2019 @ 12:55
  2. Bravo Stefano!
    Riposa in pace Nadia!

    Comment di romano cb — 13 Agosto 2019 @ 22:21
  3. Caro Stefano, Le hai dedicato questi versi con così tanta delicatezza che da “Lassù” ti farà un bel sorriso di ringraziamento!
    Ciao Nadia, sei tornata a vivere con gli Angeli!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 14 Agosto 2019 @ 10:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>