Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Settembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “pe èsse discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “pe èsse discepoli”

***

Je disse a li discepoli quer giorno:

“Si uno viè a Me, ma porta appresso,

l’affetto de ‘gni tipo e ‘gni suo nesso,

e quinni tutto quer che rota attorno …

***

… compresa anche la vita de se stesso,

nun pò èsse discepolo e de torno,

si nun porta la croce e er suo ritorno,

lo levo, ché co Me nun pò stà adesso.

***

Chi vò da costruì ‘na quarche tore

o vince l’avverzario co ‘na guera,

deve studià si cià mezzi e valore.

***

Così chi vò seguimme su ‘sta Tera,

cià da lassà ‘gni artro avere e l’ore

cià da spenne pe Me la vita intera.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Je disse a li discepoli quer giorno:
    “Si uno viè a Me, ma porta appresso,
    l’affetto de ‘gni tipo e ‘gni suo nesso,
    e quinni tutto quer che rota attorno …

    Comment di Stefano — 8 Settembre 2019 @ 07:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>