Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Settembre 2019

Ciao Mariano

Ciao Mariano

***

Che eri un angioletto su ‘sta Tera,

ce lo sapeva chi mó je fa strano,

sapé che sei tornato tu, Mariano,

Là ‘ndove nun c’è fame e nun c’è guera.

***

Co l’occhio dorce che te sfiora piano,

de chi te guarda er còre e che nun spera,

chissà che da riceve, giorno e sera,

da ‘gni quarcuno che je dà ‘na mano.

***

E t’aricorderò pe la tua Fede,

più semprice e spontanea, de chi ha visto,

scintille d’Ardilà e je basta a crede.

***

Ner mentre penzo a te, che me rattristo,

‘na cosa me conzola … è che sto a véde

ne l’occhi tua lo sguardo Suo … de Cristo. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

 

  1. Che eri un angioletto su ‘sta Tera,
    ce lo sapeva chi mó je fa strano,
    sapé che sei tornato tu, Mariano,
    Là ‘ndove nun c’è fame e nun c’è guera. …

    Comment di Stefano — 24 Settembre 2019 @ 03:13
  2. Che l’anima di Mariano riposi in pace nella luce eterna!

    Comment di Silvio — 24 Settembre 2019 @ 09:11
  3. Che l’anima di Mariano riposi in pace nella luce eterna di Dio!

    Comment di Silvio — 24 Settembre 2019 @ 09:58
  4. Questi versi sono come una preghiera che sorge dal cuore! Ora Mariano riposa nelle braccia della Madre Santa di Gesù.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 24 Settembre 2019 @ 14:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>