Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Ottobre 2019

Er sospettoso

Er sospettoso

***

Te sento dì: “Chissà che ce sta dietro?

Quali disegni? E cosa mai c’è sotto?”

Dentro a ‘gni cosa tu vedi un complotto,

anche si è trasparente com’er vetro.

***

Penzi ce sia ‘gni artro a dì: “Te fotto,

come te movi, abbasta pure un metro”,

e ciài sospetti che, a statte addietro,

c’è chi te vole morto o mar ridotto.

***

Pe te ce deve stà sempre un motivo,

pe cui ‘gni omo cià un comportamento,

che tiè così perch’é brutto e cattivo.

***

Ma prova pe ‘na vorta a vive mejo,

senza stà a immagginà a ‘gni momento,

finti fantasmi a tenette svejo?

***

Stefano Agostino

____________________________

**+

  1. Te sento dì: “Chissà che ce sta dietro?
    Quali disegni? E cosa mai c’è sotto?”
    Dentro a ‘gni cosa tu vedi un complotto,
    anche si è trasparente com’er vetro. …

    Comment by Stefano — 1 Ottobre 2019 @ 05:33
  2. Beh certo, se campa veramente male a mètte in dubbio tutto e cercà sempre un nemico oscuro, ‘na persecuzione o ‘na congiura dietro ogni azione, parola o intenzione altrui!

    Comment by Silvio — 1 Ottobre 2019 @ 09:28
  3. Io non mi fiderei mai di un sospettoso che vede complotti e congiure ad ogni angolo: ma come si fa a vivere così! Non dico che bisogna credere sempre a tutti, ma dubitare di tutti equivale e vivere molto male!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 1 Ottobre 2019 @ 16:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>