Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Ottobre 2019

Soddisfazzione quotidiana

Soddisfazzione quotidiana

***

‘Na fonte certa de soddisfazzione,

ch’è pressoché pe tutti quotidiana,

armeno pe chi cià salute sana,

senza probbremi de alimentazzione …

***

… che unisce ‘gni popolazzione umana,

e in de ‘sta cosa senza distinzione,

de razza, lingua, fede o de nazzione,

qualunque diferenza qui se spiana.

***

È quanno, e nun cià prezzo ‘sto momento,

che s’aripete, ma nun è lo stesso,

la gioia prenne spazzio a quer tormento …

***

… in cui ce sei, senza chiede er permesso,

che t’arzi alegro, libbero e contento,

scroscio d’apprausi e lassi er trono … er cesso.

*****

Stefano Agostino

____________________

***

  1. ‘Na fonte certa de soddisfazzione,
    ch’è pressoché pe tutti quotidiana,
    armeno pe chi cià salute sana,
    senza probbremi de alimentazzione …

    Comment di Stefano — 22 Ottobre 2019 @ 05:17
  2. Bongiorno sospiroso, allegro e liberatorio. Se dice che: “ce s’entra pesanti e dolenti e ce se n’esce leggeri e contenti” Hahahaha!!

    Comment di 'svardo — 22 Ottobre 2019 @ 08:41
  3. Ho letto e riletto il sonetto varie volte ma per la prima volta in tanti anni non l’ho capito. Vedo il soggetto iniziale della prima riga che resta sospeso e non trova verbo né azione, ne significato compiuto.

    Comment di Silvio — 22 Ottobre 2019 @ 09:01
  4. Mi associo pienamente allo scritto di Silvio: mi sembra di essere diventata stupida all’improvviso, oppure oppure il significato della “soddisfazione quotidiana” sta nell’ultima terzina “er cesso”? e se è cosi…boh…!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 22 Ottobre 2019 @ 10:28
  5. A me ha riportato allegramente alla memoria
    un sonetto che era scritto su un banco
    della Scuola Centrale Antincendio di Roma Capannelle

    “Sapienti sono i Papi
    Potenti sono i Re
    ma nell’arte di ca..re
    so tutti uguali a me!

    Comment di romano cb — 22 Ottobre 2019 @ 11:31
  6. Letizia, Silvio … il sonetto era volutamente criptico all’inizio per arrivare alla chiosa con la battuta sull’oggetto della “soddisfazione quotidiana”. Romano e ‘Svardo, avete colto l’ironia.

    Comment di Stefano — 22 Ottobre 2019 @ 12:45
  7. Rimanendo in tema, si dice anche che :

    Ben mangiare e ben ca..re, e’ molto salutare!

    Comment di romano cb — 22 Ottobre 2019 @ 14:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>