Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Novembre 2019

Vive de corza

Vive de corza

***

Se vive sempre appresso a le scadenze,

nun ce sta giorno che nun sia ‘na corza,

che manco mai le trattazzioni in Borza,

sò così rapide, veloci e intenze.

***

È tutto un fuggi fuggi fatto a forza,

che a staje addietro co le sue esiggenze,

te viè un’anzia pe tutte l’urgenze,

che ciài ‘no stress che strigne assai la morza.

***

La carma cor silenzio e un po’ de pace,

più ch’èsse desideri sò utopie,

in mezzo a un gran casino e a ‘sta fornace.

***

Nòve nevrosi e nòve malatie,

che se ne vanno solo ar “qui giace”

quanno finimo poi le batterie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Se vive sempre appresso a le scadenze,
    nun ce sta giorno che nun sia ‘na corza,
    che manco mai le trattazzioni in Borza,
    sò così rapide, veloci e intenze. …

    Comment di Stefano — 14 Novembre 2019 @ 05:37
  2. E’ una vita perennemente frenetica ormai, una gara a non farsi fregare dall’orologio, una vita a incastrare impegni, a disinnescare ordigni, a sventare guai, dentro a un frullatore sempre acceso che ci fagocita e, inesorabile, ci consuma.

    Comment di Silvio — 14 Novembre 2019 @ 10:08
  3. Spesso e’ troppo tardi,
    e spesso dopo avenne pagato caro er prezzo,
    che finarmente se capisce, che la vita infonno e’ sortanto un passaggio
    una sola opportunità’…….un breve viaggio!

    Comment di romano cb — 14 Novembre 2019 @ 10:24
  4. Bisogna essere nullatenenti, nullafacenti e vivere come i clochard per non dover andare sempre di corsa! Ma, ormai, la Vita che viviamo ci ha stritolato!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 14 Novembre 2019 @ 11:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>