Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Dicembre 2019

Lillo, er Re der protocollo

Er Re der protocollo

***

Da sempre è lui er Re der protocollo,

nun serve da indicà chi è e da dillo,

pe pochi è Amerildo, pe noi è Lillo,

l’istituzzione de ‘gni marca o bollo.

***

Ch’è lui da sempre, tocca ribbadillo,

da quanno che s’usava er francobbollo,

a nummerà ‘gni plico, pacco o collo,

che ariva o manna l’Anac cor siggillo.

***

Ma adesso c’è da fàcce tutti er callo,

che ce saluta e va, co gran trastullo,

dritto in penzione a comincià lo sballo.

***

Ce mancherà ‘gni giorno er suo cappello,

e quer suo modo, pure un po’ da bullo,

ma da omo de còre e de cervello.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Da sempre è lui er Re der protocollo,
    nun serve da indicà chi è e da dillo,
    pe pochi è Amerildo, pe noi è Lillo,
    l’istituzzione de ‘gni marca o bollo. …

    Comment di Stefano — 4 Dicembre 2019 @ 05:32
  2. Tutto passa, tutto finisce, nulla è eterno nello scorrere del tempo. Persone e situazioni che per molti anni sono stati punti di riferimento fissi e immutabili inevitabilmente soggiacciono al ciclo della vita.
    Come diceva Santa Teresa d’Avila: tutto passa, solo Dio resta!

    Comment di Silvio — 4 Dicembre 2019 @ 09:38
  3. Il protocollo ormai è defunto, tutto è meccanizzato non c’è più l’impiegato con il quale scambiare due parole! Tutto passa e, come dice S. Teresa, solo Dio resta ed è immutabile.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 4 Dicembre 2019 @ 11:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>