Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Dicembre 2019

Er senzo der Natale

Er senzo der Natale

***

Nun c’è da èsse boni ch’è Natale, 

perché questa è ‘na granne ipocrisia,

che nun cià senzo, ar punto che va via,

appena ito ‘sto giorno speciale.

***

Bene che va fin’a l’Epifania,

poi torna tutto quanto tal’e quale,

se perde, conzeguenza naturale,

come finisce ‘gni strenna e maggìa.

***

Natale ce vor dì che Dio quer giorno,

pe fàcce come Lui, ner più profonno,

s’è fatto come noi … un Pupo e attorno,

***

… Maria e Giuseppe e dietro, su lo sfonno,

un bue e un asinello de contorno,

p’ariscallà Chi viè pe sarvà er monno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun c’è da èsse boni ch’è Natale,
    perché questa è ‘na granne ipocrisia,
    che nun cià senzo, ar punto che va via,
    appena ito ‘sto giorno speciale. …

    Comment by Stefano — 17 Dicembre 2019 @ 05:34
  2. La Rivelazione dell’Uomo-Dio è il mistero più profondo e soprannaturale che l’umanità abbia ricevuto gratuitamente in dono. E’ questo per me il senso del Natale!

    Comment by Silvio — 17 Dicembre 2019 @ 08:58
  3. Bellissimi versi! Dio s’è fatto come noi per farci come Lui!

    Ma che mi dite della partita di ieri sera?
    Buona serata.

    Comment by letizia — 17 Dicembre 2019 @ 19:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>