Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Aprile 2010

Li fornai

Tags: , , ,

li fornai

Li fornai

 

Ne li vicoli, quelli ‘ntorno ar “Ghetto”,

quanno ch’arbeggia, la matina presto,

le sole luci ‘n mezzo ar buio pesto,

so’ quelle ‘nsù de quarche caminetto.

 

Ma prima de quei lumi, j’è più lesto,

l’odore che t’ariva indentr’ar petto,

der pane appena fatto, co’ l’effetto,

de risvejatte, si nun t’eri desto.

 

Nun è solo ‘n profumo, è più ‘n’essenza,

tripudio de farina cott’ar forno,

che te fa a casa, pure si stai senza.

 

Ma goditelo prima che fa giorno,

e fugge via quer soffio d’encoscienza,

che chissà quanno mai farà ritorno.

  

Stefano Agostino

_____________________________

 

  1. E’ suggestiva l’immagine degli operosi fornai che nel silenzio della notte fanno il pane per l’umanità che dorme. Non si sbaglia ad affermare che – insieme a qualche altro – questo è il mestiere più vecchio del mondo…

    Comment di Silvio — 15 Aprile 2010 @ 09:11
  2. Questo sonetto è così bello e preciso nella sua descrizione, che sembra di sentire il profumo e il calore del pane appena sfornato.

    Comment di Federica_Perla — 15 Aprile 2010 @ 09:29
  3. Da regazzo sortivo la matina a le 5 p’anna a lo sgobbo. Me fermavo da ‘n fornaio pe’ piamme quer pezzo de pizza callo, callo e profumato da l’ojo. Ne li mesi freddi m’ariscallavo quelli 5 minuti drento ar locale. Mo’ ando’li trovi più? Ah Ste’, sai aricconta’ le cose, che pare aveccele ancora presenti.

    Comment di 'svardo — 15 Aprile 2010 @ 12:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>