Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Gennaio 2020

Più che giorni de la merla …

Più che giorni de la merla …

***

Li giorni de la merla, sì, ‘na vorta,

quanno ch’er clima nun era malato,

da li sconvorgimenti der creato,

pe l’omo che a ‘sta Tera l’ha stravorta.

***

Così che quer che davi pe assodato,

er gelo de ‘sti giorni a fà da scorta,

nun vale più e cià memoria corta,

chi dice che così è sempre stato.

***

Invece de finì co freddo e neve,

gennaio sa già un po’ de Primavera,

ché a cambiàje er nome er passo è breve.

***

Da merla, fa’ che “L” se disperda,

e l’aria dorce a “D” je dà la cera,

sti giorni li fa diventà de m….

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Li giorni de la merla, sì, ‘na vorta,
    quanno ch’er clima nun era malato,
    da li sconvorgimenti der creato,
    pe l’omo che a ‘sta Tera l’ha stravorta. …

    Comment by Stefano — 29 Gennaio 2020 @ 05:30
  2. I giorni della merla rappresentano il vero giro di boa della stagione fredda, il cuore perfetto, l’epicentro esatto dell’inverno, giorni dopo i quali si comincia a intravedere da lontano la dolce primavera che avanza timidamente con la sua morbida luce e il suo materno tepore

    Comment by Silvio — 29 Gennaio 2020 @ 10:00
  3. Io mi ricordo che negli anni ’60 a marzo ha pure nevicato e dicembre e febbraio non era poi così freddo, pertanto tutto ‘sto sconvolgimento di clima non mi sembra che ci sia solo da adesso! Comunque meglio il caldo che il freddo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 29 Gennaio 2020 @ 16:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>