Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Febbraio 2020

Me la pìo troppo

Me la pìo troppo

***

Me la pìo sempre e sempre m’avveleno,

pe cose che poi sò de poco conto,

e quanno m’ariprenno e m’orizzonto,

che metto ar punto giusto er più e er meno …

***

… me dico quanno mai io sarò pronto

a metteme un bavajo e damme un freno,

e invece vado avanti come un treno,

che tira dritto senza fà mai sconto …

***

Me la vado a pià co tutt’er monno,

e tiro giù de tutto, senza appello,

anche pe ‘na frazzione de seconno.

***

Pe poi aritrovamme … e questo è er bello,

indentro de ‘no specchio più profonno,

a dì … che t’è servito fà un bordello?

***

Ch’è ‘na domanna sempre a cui arisponno,

“a un ber gnente” … penza che cervello,

ché a lo specchio gnente je nasconno…

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Me la pìo sempre e sempre m’avveleno,
    pe cose che poi sò de poco conto,
    e quanno m’ariprenno e m’orizzonto,
    che metto ar punto giusto er più e er meno …

    Comment di Stefano — 18 Febbraio 2020 @ 19:44
  2. Hai fatto il mio ritratto: io sono proprio così e regolarmente poi mi dico che questa è l’ultima volta e invece sempre ci ricasco! Ma quando imparerò ad infischiarmene?!
    Buona serata.

    Comment di letizia — 18 Febbraio 2020 @ 20:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>