Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Febbraio 2020

La burattinara der Gianicolo

La burattinara del Gianicolo

***

Chi nun te conosceva, cara Agnese?

Burattinara che ancora adesso,

ciavevi er posto fisso tuo, lo stesso,

lassù ar Gianicolo che, senza offese, …

***

… era er teatrino mejo p’er successo

che li bimbetti, co le facce accese,

de ‘gni generazzione e a poche spese

facevi ‘mbambolà a guardà e rifresso …

***

… ancora me ce vedo io pupetto,

li burattini e storie strampalate,

ma che pe noi ciaveveno l’effetto …

***

… de fàcce fà un sacco de risate,

mentre ‘na lacrima me scegne a getto …

com’er sipario a chiude le puntate.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Chi nun te conosceva, cara Agnese?
    Burattinara che ancora adesso,
    ciavevi er posto fisso tuo, lo stesso,
    lassù ar Gianicolo che, senza offese, …

    Comment by Stefano — 27 Febbraio 2020 @ 05:29
  2. Riposa in pace Agnese! Tutti i bambini ti aspettavano in Paradiso!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Febbraio 2020 @ 10:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>