Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Marzo 2020

Liberté, Egalité, Senzabidet

Liberté, Egalité, Senzabidet

***

Famme capì: saresti tu franzoso

a fà ironia su in de la nostra iggiene?

No …dico, propio te … che bene bene

nun sai ched’è er bidet … ma senti, a coso?!?

***

Ce vieni a fà lezzioni, … e co che scene…

su pulizzia italiana? Vergognoso:

ciài la baguette … e me sale er nervoso …

sott’a l’ascella …  queste sì sò pene!

***

Er fatto è che te rode da ‘na vita,

che tanto perdi ‘gni competizzione,

co noi nun vinci manco ‘na partita.

***

Hai chiesto scusa … sì, te do raggione,

finisce qua, ma resta ben scorpita 

la figuraccia fatta da cojone.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Famme capì: saresti tu franzoso
    a fà ironia su in de la nostra iggiene?
    No …dico, propio te … che bene bene
    nun sai ched’è er bidet … ma senti, a coso?!?

    Comment by Stefano — 4 Marzo 2020 @ 06:26
  2. A parte qualcuno, i francesi sono tutti altezzosi e pieni di boria e certe uscite se le dovrebbero risparmiare! Il loro nome proviene dai Franchi, una antica tribù germanica, che acquisì la lingua e la cultura latine. Sanno solo copiare, non sempre bene, le cose degli altri!
    Buona Giornata e W L’ITALIA!

    Comment by letizia — 4 Marzo 2020 @ 12:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>