Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Marzo 2020

Serviva giusto er Covid19

Serviva giusto er Covid19

***

Serviva giusto er COVID19,

pe fàcce vive ancora più distanti,

‘na mascherina ar viso e co li guanti,

stamo a isolacce tutti e ciò le prove.

***

Appena fa quarcuno un passo avanti

verzo de noi … ecco … guardamo ‘ndove

potemo da scappà e ce se move

in modo da evità un po’ tutti quanti.

***

Vabbè ch’è più importante la salute,

ma anche cortivà amici e affetti,

nun sò cose da dichiarà perdute.

***

Ché fanno parte de l’umani aspetti,

l’abbracci e strigne mano ben tenute,

ma nun se pònno fà: rischio de infetti.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Serviva giusto er COVID19,
    pe fàcce vive ancora più distanti,
    ‘na mascherina ar viso e co li guanti,
    stamo a isolacce tutti e ciò le prove.

    Comment by Stefano — 6 Marzo 2020 @ 05:35
  2. Non ci resta che piangere e pregare: E’ una pandemia e chissà quando avrà fine!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 Marzo 2020 @ 09:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>