Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Marzo 2020

Einstein e er coronavirus

Einstein e er coronavirus

***

Come se fa così? Nun ce se crede:

ce sta un programma p’evità er contaggio,

ch’è semprice, de regole un assaggio,

granni paletti certo nun richiede.

***

Lavà le mano eppoi lassà un passaggio

d’armeno un metro, quanno ce se vede,

sò da evità l’assembramenti e chiede

de restà a casa co maggior dosaggio.

***

“Ma no!”, un sacco de gente se ne sbatte,

continua tal’e quale a fà la vita,

manco si ar pupo je tojessi er latte.

***

E lì capisci Einstein e la sua uscita,

su la stupidità de l’omo … e fàtte

domanna si sbajava a dì infinita.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Come se fa così? Nun ce se crede:
    ce sta un programma p’evità er contaggio,
    ch’è semprice, de regole un assaggio,
    granni paletti certo nun richiede. …

    Comment by Stefano — 9 Marzo 2020 @ 05:37
  2. Massima pulizia per la casa e per la persona ed evitare i contatti con gli altri, restando ad almeno un metro di distanza! Einstein ha sempre ragione!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 9 Marzo 2020 @ 11:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>