Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Marzo 2020

Che guera sia

Che guera sia

***

Semo arivati a chiude guasi tutto,

c’è da combatte tutti ‘sta battaja,

nun c’è bandiera qui, qui nun c’è maja,

ma solo da evità che dapertutto …

***

… nun se diffonna er virus come paja

quanno s’accenne er foco e anche si è brutto,

dovemo mó d’arinuncià a ‘gni sfrutto

de vita in giro fòri, e nun se sbaja.

***

Saranno giorni tosti, ma è ‘na guera

che poi nun chiede certo d’annà ar fronte

ma restà in casa sì da giorno a sera.

***

Du’ settimane pe scaccià a la fonte

er virus, pandemia in tutta la Tera,

e scavallà ‘sto tempo e ‘st’orizzonte.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Semo arivati a chiude guasi tutto,
    c’è da combatte tutti ‘sta battaja,
    nun c’è bandiera qui, qui nun c’è maja,
    ma solo da evità che dapertutto …

    Comment by Stefano — 12 Marzo 2020 @ 07:55
  2. Certo è una bruttissima situazione! Preghiamo il Signore che ci aiuti ad uscirne indenni!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Marzo 2020 @ 11:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>