Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Aprile 2010

Stranezze de la moda

Tags: , , ,

calzinointesta

Stranezze de la moda

***

Se sa, la moda scandisce er cammino,

pe’ da’ ‘n colore e ‘n gusto a un momento,

e cambia, come s’arza ‘n po’ de vento,

quer ch’era fico ieri, oggi è ar cestino.

***

E ‘nde sti tempi de stravorgimento,

cor mònno sottosopra, ch’è ‘n casino,

nun po’ sorprenne più che ‘n pedalino,

s’enfila ‘n testa a fanne abbellimento.

***

Me chiedo ’ndo s’andrà a segui’ sto passo,

come la moda specchierà l’ariaccia,

de chi sta a manna’ er monno allo sconquasso.

***

‘N’idea, che forse n’è manco ideaccia,

potrebbe esse quella d’anna’ a spasso,

mettendose ‘n par de mutande in faccia!

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Il mondo è strano, ormai nn ci sono più dubbi, la gente è mattta e anche qui siamo d’accordo. Però l’idea delle mutande nn è male soprattutto per chi va in giro con un faccia da …. Un abbraccio

    Comment by Federica_perla — 17 Aprile 2010 @ 09:20
  2. Bona l’idea de manna’, ‘n giro pe strada, co’ le mutanne ‘n faccia, chi ce sta pe traverso. Io ce mannerebbe chi ‘mpedisce de posta’ su li blogghe.

    Comment by 'svardo — 17 Aprile 2010 @ 18:25
  3. Grazie dell’abbraccio, Federica. ‘Svardo, spero si risolva tutto in tempi brevi.

    Comment by Stefano — 17 Aprile 2010 @ 19:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>