Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Marzo 2020

Flash mob

Flash mob

***

E s’affacciamo tutti a la finestra,

chi pò, da ‘na loggetta, ossia er barcone,

chi applaude, chi intona ‘na canzone,

chi accenne ‘na cannela e chi sbalestra.

***

È un modo de fà unite le perzone,

com’a indicà che uniti ce ammaestra

e nun c’è più sinistra, né più destra,

la barca cià la stessa direzzione.

***

Se chiameno “flash mob” perché sò brevi,

ma intenzi come abbracci anche a distanza,

istanti in cui è come si te levi …

***

… quer penzieraccio dentro che t’avanza,

che un mese fa … ma quanno ce credevi …

che te chiudevi in casa fisso a ortranza.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. E s’affacciamo tutti a la finestra,
    chi pò, da ‘na loggetta, ossia er barcone,
    chi pe applaudì, chi intona ‘na canzone,
    chi accenne ‘na cannela e chi sbalestra. …

    Comment by Stefano — 16 Marzo 2020 @ 07:34
  2. Chissà quando finirà?! Nel frattempo ci consoliamo cantando|
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Marzo 2020 @ 13:37
  3. Flash Mob, uno sfogo allegro ed improvvisato, quando vedi dai balconi quant’altra gente e’ chiusa in casa (e soffre) …… come te, confermando cosi’ il detto che: “Mal comune e’ mezzo Gaudio”
    Io son sicuro che, quell’Inno di Mameli cantato cosi, rimarrà nella storia.

    Stefano, Letizia e tutti che seguite queste pagine, tenetevi informati, seguite le istruzioni, rispettate le regole, abbiate cura e state al sicuro, in quanto, quando si comincia a sentir parlare di imporre il Coprifuoco, si capisce che la situazione comincia ad essere ……. piuttosto seria!

    Auguroni a voi tutti!

    Comment by romano cb — 16 Marzo 2020 @ 21:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>