Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Marzo 2020

La preghiera de Francesco

La preghiera de Francesco

***

Ar centro de ‘na piazza tutta vòta,

Papa Francesco benedice er monno,

e prega Dio, dar còre più profonno,

perché faccia sparì ‘sta peste ignota.

***

Che a tutti quanti je sta a toje er sonno,

e mentre aranca, er peso je lo dota

l’umanità che porta appresso a rota,

la Croce da pregà pe ‘gni seconno.

***

Co l’occhi a la Madonna e la preghiera

ar Cristo che sarvò da la gran peste,

co pioggia a lacrimà tutta la sera.

***

Come pe dì che er pianto e cose meste,

portate da l’umanità ch’è intera,

Gesù se l’ariccoje e ce se veste.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ar centro de ‘na piazza tutta vòta,
    Papa Francesco benedice er monno,
    e prega Dio, dar còre più profonno,
    perché faccià sparì ‘sta peste ignota. …

    Comment di Stefano — 27 Marzo 2020 @ 22:40
  2. Bellissimo sonetto! Solo ora, che siamo tutti confinati in casa, stiamo apprezzando quello che in tempo normale non avevamo considerato! Non so che qualcuno ha visto che, mentre il S.Padre si dirigeva sotto la pioggia al tempietto allestito all’esterno della basilica, è stato sorvolato da una colomba bianca!
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 28 Marzo 2020 @ 14:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>