Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Marzo 2020

Riaprì tutto? No, grazzie

Riaprì tutto? No, grazzie

***

Li medici e studiosi veramente,

virologgi, scènziati e in conzeguenza

protezzione civile e chi è in deggenza,

ce dicheno ‘na cosa solamente:

***

“RESTATE A CASA”, contro ‘st’emergenza,

nun c’è artra strada che ce lo conzente,

de evità er contaggio tra la gente,

contenimento è l’unica avvertenza.

***

Ma poi ce sta chi già ha capito tutto,

vorebbe immunizzà de fatto er gregge,

come l’ingrese … ch’ha chiuso de brutto.

***

Speriamo che quer genio e chi lo regge,

nun sia ascortato e presto, soprattutto,

se resti a casa ancora sia la legge. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Li medici e studiosi veramente,
    virologgi, scènziati e in conzeguenza
    protezzione civile e chi è in deggenza,
    ce dicheno ‘na cosa solamente:

    Comment by Stefano — 31 Marzo 2020 @ 05:51
  2. Non mi sembra il caso di riaprire tutto ora! Forse a maggio, speriamo!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 31 Marzo 2020 @ 17:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>