Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

1 Aprile 2020

Quale pesce d’aprile

Quale pesce d’aprile

***

Quest’anno a fàcce un gran pesce d’aprile,

è stato er virus, da du’ mesi avanti,

ce sò cascati propio tutti quanti,

solo che de scherzà nun cià lo stile.

***

Lui fa indossà le mascherine e guanti,

corpisce li più debboli e, da vile,

nun fa vedé nemmeno quant’è ostile,

e ce fa stà a tutti più distanti.

***

E nun fa divertì certo nissuno,

cià chiusi in casa pe evità er contaggio,

ché se diffonne in cento … abbasta uno.

***

Speramo che finisca presto er viaggio,

e che viè smascherato da quarcuno,

se l’auguramo già prima de maggio.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Quest’anno a fàcce un gran pesce d’aprile,
    è stato er virus, da du’ mesi avanti,
    ce sò cascati propio tutti quanti,
    solo che de scherzà nun cià lo stile. …

    Comment by Stefano — 1 Aprile 2020 @ 04:14
  2. Bel Sonetto e Perfetto il pensiero der giorno. Stefano, Grazie e complimenti!

    Comment by romano cb — 1 Aprile 2020 @ 15:05
  3. Un pesce d’aprile così funesto non si era mai visto prima!
    Buon pomeriggio!

    Comment by letizia — 1 Aprile 2020 @ 17:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>