Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Aprile 2020

A macchia de leopardo

A macchia de leopardo

***

Ce se capisce poco, guasi gnente:

chi è che pò riaprì? E dove? E quanno?

Le cartolibbrerie … ma un po’ a commanno

negozzi pe bambini … ma uguarmente …

***

… nun tutti già hanno aperto e si lo fanno

de certo dentro ce va poca gente,

ancora c’è paura … è evidente,

e poi nun tutti pare ce lo sanno.

***

Dipenne poi, seconno la reggione,

sò aperture a macchia de leopardo,

e c’è da fà la sanificazzione.

***

Ché poi aprì va fatto senza azzardo,

co guanti, mascherina e protezzione,

speranno nun ce costino un mijardo.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. Ce se capisce poco, guasi gnente:
    chi è che pò riaprì? E dove? E quanno?
    Le cartolibbrerie … ma un po’ a commanno
    negozzi pe bambini … ma uguarmente …

    Comment by Stefano — 15 Aprile 2020 @ 05:03
  2. Certo che abbiamo un governo che sa quello che fa! o no?
    Spero che tutti coloro che scrivevano su questo sito stiano bene in salute e mente! Ciao Stefano e Buona Giornata!!!!!!!

    Comment by letizia — 15 Aprile 2020 @ 12:14
  3. P.S. ahahahah! Non avevo letto il Pensiero del Giorno: mi trovi d’accordo! Ciao, a domani se Dio vuole!

    Comment by letizia — 15 Aprile 2020 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>