Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Aprile 2020

In troppi a commannà

In troppi a commannà

***

Nun ce se sta a capì guasi più gnente,

in troppi a commannà, nun se fa giorno,

come galli a cantà, qui c’è ‘no scorno,

su come riaprì, prossimamente.

***

“Basta lockdown!” – “Basta lockdown un corno!”

tra chi vò aprì e chi invece è più prudente,

in mezzo come sempre c’è la gente,

tra un nun fallì e un virus cor ritorno.

***

Governo, Presidenti de Reggioni,

li comitati scerti e li scenziati,

pareri, idee, proposte e decisioni.

***

Nun se sa più chi sò l’autorizzati

a ripartì e in quali occupazzioni,

cor virus che continua a fà malati.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Nun ce se sta a capì guasi più gnente,
    in troppi a commannà, nun se fa giorno,
    come galli a cantà, qui c’è ‘no scorno,
    su come riaprì, prossimamente. …

    Comment by Stefano — 18 Aprile 2020 @ 05:59
  2. Ma quando finirà? Non se ne può più!
    Buon sabato.

    Comment by letizia — 18 Aprile 2020 @ 11:02
  3. Letizia, credo che siamo di nuovo a………..”Chi la dura, la vince!”
    Comunque grazie a te e grazie a Stefano per farci, giornalmente, compagnia.

    Comment by romano cb — 18 Aprile 2020 @ 16:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>